15-20

Anni

Le vite potenziali
Di Francesco Targhetta

Tema del romanzo è il mondo nuovo in cui siamo scivolati senza accorgercene, un mondo fatto di acquisti virtuali che ci danno ebbrezza e ci fanno sentire immersi in uno shopping infinito. Per raccontarlo, Targhetta sceglie tre protagonisti, focalizzandosi sul meno realizzato dei tre, Luciano, programmatore informatico insicuro e schivo, tenuto al guinzaglio dalla madre, capace di grandi innamoramenti, ma totalmente sfortunato con le donne. Gli altri due, Alberto, il suo capo nella società di servizi informatici e già compagno di scuola, volitivo e deciso a tenere tutto sotto controllo, e Giorgio, il pre-sales dell’azienda, privo di scrupoli, affamato di vita e di successo, si scontreranno nella parte finale del libro, ma a Targhetta non interessa tanto l’esito dello scontro, quanto la raffigurazione dei rapporti umani nell’epoca dell’e-commerce. Alla spersonalizzazione delle relazioni si accompagna la spersonalizzazione dei luoghi e non a caso l’ambientazione del libro è Marghera, con il suo paesaggio postindustriale caratterizzato da edifici spettrali e abbandono. Se c’è una speranza in questo libro questa è affidata alla studentessa-barista Matilde e al bambino che decide di aspettare anche da sola. Scritto benissimo, con una lingua capace di mettere insieme il massimo di letterarietà e il massimo di adesione al mondo dei protagonisti.

Genere: Narrativa
Pubblicazione: 2018
Editore: Mondadori
Età di lettura: 18+
Condividi l'approfondimento
Contributi video dei lettori

LETTURE CORRELATE