15-20

Anni

Prendimi, Caos, nelle tue braccia
Di Adonis

La nuova raccolta di Adonis, fra i più influenti intellettuali del mondo arabo d’oggi, si apre con il mito del diluvio ed è una riflessione ispirata e visionaria sull’avvenire dell’uomo e sul concetto di migrazione e metamorfosi. Il poeta si manifesta attraverso quattro viaggi: in cima al monte Ararat, a Londra, tra Shanghai e Parigi, in America. In un mondo sempre più in balia di tiranni e fanatici, Adonis chiede all’umanità lo sforzo di resistere alle sirene della scienza e della tecnologia (pur non rifiutando la modernità), per ritornare all’armonia delle origini, a una società in cui gli assassini e i corrotti sono puniti e non premiati per le loro azioni. Fino a invocare l’alba di un nuovo diluvio. Ripartire, insomma, dalla memoria del passato per lanciare un ponte verso un futuro che, al momento, appare gravido di inquietanti misteri e interrogativi. Dove l’unico appiglio cui possiamo davvero aggrapparci, per sfuggire alla morte e alla vertigine cosmica, è rappresentato dalla Poesia.

Ali Ahmad Sai‘id Esber, questo il vero nome di Adonis, è uno dei più importanti poeti e intellettuali del mondo arabo. Nato in un villaggio siriano nel 1930 da una famiglia di origine contadina, ha compiuto gli studi universitari a Damasco, laureandosi in filosofia. Successivamente si è trasferito a Beirut dove ha lavorato come insegnante e giornalista. Ora vive a Parigi. 

Traduzione: F. H. S. Al Delmi
Genere: Poesia
Pubblicazione: 2019
Collana: Poeti della Fenice
Editore: Guanda
Età di lettura: 18+
Condividi l'approfondimento
Contributi video dei lettori

LETTURE CORRELATE