15-20

Anni

Di qua dal faro
Di Vincenzo Consolo

Ponendosi dal punto di vista di Napoli capitale, i Borboni riconoscevano un “di qua” e un “di là” dal faro di Messina. Ponendosi dal punto di vista della Sicilia, come dalla parte degli infedeli, Vincenzo Consolo rovescia la prospettiva e racconta l’isola partendo dal mare che la circonda. Un Mediterraneo teatro di bellezza e di civiltà, di scempi e di scorribande. Al centro di questo mare è la Sicilia, terra meticcia e sorprendente che accoglie Pirandello e Tomasi di Lampedusa, la cultura araba e quella magrebina. In perfetta armonia con il suo polimorfo genius loci, riflesso di una terra e di un’umanità caratterizzate dalla “mescolanza di cose frammiste”, Di qua dal faro è un libro colmo di fascino, a un tempo racconto e saggio, storia e mito.

Vincenzo Consolo Sant’Agata di Militello, Messina, 1933 - Milano 2012. Romanziere e saggista di fama internazionale, ha scritto tra gli altri La ferita dell’aprile (1963), Il sorriso dell’ignoto marinaio (1976), Lunaria (1985), Retablo (1987) Nottetempo, casa per casa (1992, premio Strega) e Lo spasimo di Palermo (1998).

Genere: Narrativa
Pubblicazione: 2020
Collana: Oscar moderni
Editore: Mondadori
Condividi l'approfondimento
Contributi video dei lettori

LETTURE CORRELATE